Le parole “coltura” e ”cultura” non si assomigliano semplicemente ma hanno forti comuni origini semantiche come dimostra la loro etimologia derivante dal verbo latino colĕre che significa ‘coltivare / attendere con cura’, qualcosa di materiale nel primo caso e qualcosa di immateriale nel secondo caso.
Consci di questa affinità, noi di Olio Traldi abbiamo voluto spenderci in prima persona affinché, oltre che curando i nostri uliveti, anche recuperando uno dei più interessanti siti archeologici dell’Italia Centrale che caratterizza il nostro territorio, vogliamo (ri)dare lustro e visibilità all’intera Tuscia.
Stiamo parlando di Norchia, un sito archeologico preistoricoetruscoromano e medievale che sorge tra VetrallaViterbo lungo la via Clodia e che gravitava nell’orbita della vicina e più potente Tarquinia.
L’Associazione Amici di Norchia, di cui l’imprenditrice Elisabetta Traldi è socia fondatrice insieme ad altri illustri ed intraprendenti colleghi operanti nell’hinterland vetrallese, ha organizzato la conferenza stampa del progetto di recupero, riqualificazione e rilancio di questo sito intitolata “Amici di Norchia per Lovely Norchia. Un modello di sinergia  pubblico-privato per la valorizzazione del patrimonio culturale che generi economia ed occupazione” che si terrà a partire dalle ore 16:00 di venerdì 22 marzo 2019 presso la ‘Sala Regia’ di Palazzo dei Priori a Viterbo.
Siete tutti invitati a partecipare.